L’abito da sposo è un concetto complesso nella sua semplicità: ogni dettaglio è fondamentale. L’equilibrio dei particolari fa la differenza per l’abito da cerimonia: occorrono per questo anni di esperienza nel settore abbigliamento uomo e cerimonia, e una naturale passione per il Made in Italy.

“La differenza fondamentale fra l’abito da sposo e l’abito da sposa, è che nell’abbigliamento uomo non si creano volumi nuovi, per cui ogni piccolo dettaglio è fondamentale, dagli accessori all’abbinamento dei colori.”
Giuseppe Rocchini

Non potendo giocare sul design, la creatività viene espressa nella scelta di dettagli ed accessori che fanno sentire lo sposo Rocchini inconfondibile: in una sala da cerimonia piena di uomini in completo maschile, lo sposo Rocchini rimane protagonista grazie a gilet, cravatta, plastron, sheviot, fascia, papillon, foulard… e alla qualità dei propri tessuti Made in Italy.

Tessuti Made in Italy: lana, seta, viscosa, fibre naturali

L’azienda Rocchini si avvale di una ricerca approfondita sui tessuti, interamente fatti in Italia. La predilezione per le fibre naturali è al servizio del comfort per una giornata importante che si ricorda per tutta la vita: il proprio matrimonio.

Il trend sposo 2018: il plastron

Nella collezione 2018, il cravattone, o plastron è il dettaglio che pone lo sposo Rocchini al centro della cerimonia, anche stilisticamente. L’esperienza nell’artigianato toscano dell’azienda Rocchini, vuole che questo accessorio sia curato nei minimi dettagli e utilizzi i migliori materiali Made in Italy.

Che cosa è il Plastron?

Il plastron moderno si indossa eseguendo un particolare nodo non stretto, da fermarsi con una spilla, e serve per coprire lo sparato di una camicia maschile; ne esistono modelli variamente colorati e dotati magari di volant, pizzi, piegoline, e ricami. Il plastron può essere di tipo tradizionale, annodabile, oppure anche premontato, come già per le cravatta a farfalla, con chiusura a collare.  [source: Wikipedia]

  Condividi su Facebook: